Idee per vestirsi in barca: accessori e capi immancabili

I weekend in barca sono tra i grandi piaceri dell’estate: ammirare le coste da un punto di vista diverso, privilegiato, e godere del mare più azzurro e pulito è impagabile.

La barca è mondo a parte, specialmente quando si tratta di imbarcazioni a vela e deve sottostare a leggi e a regolamenti molto severi. Anche l’abbigliamento dev’essere adeguato: chi non è abituato, infatti, trova spesso difficoltà nello scegliere gli abiti per vestirsi in barca, che devono necessariamente essere pratici e comodi, senza mai perdere lo stile.

Le vacanze in barca a vela stanno diventando sempre più frequenti: il mediterraneo, d’altronde, offre spunti fantastici per una crociera di questo tipo: le sue coste sono scenograficamente spettacolari e dalla Spagna alla Grecia, passando per le isole maggiori e minori, ogni giorno si possono scoprire nuovi scenari mozzafiato.

L’uomo “Paolo Severini” veste con stile anche in barca, sopratutto perché nel momento in cui si giunge nei porti per l’attracco è indispensabile avere la giusta classe che ci si aspetterebbe da chi trascorre un soggiorno esclusivo in barca. 

Less is more: prepararsi con stile alla partenza

Come ci si veste in barca? Se state preparando le vostre borse per un viaggio all’insegna del sole, del relax e della scoperta a bordo di un’imbarcazione, fate estremamente attenzione a quello che portate via.

C’è una regola non scritta per scegliere i vestiti per la barca: less is more. Si basa soprattutto sul buon senso e sulla buona educazione, giacché gli spazi in barca sono notoriamente ridotti ed è, quindi, necessario ridurre al minimo il proprio bagaglio, partendo proprio dalla scelta dello stesso.

Avete notato che all’inizio abbiamo usato il termine “borse” e non “valige”? Non è certamente un caso: lasciate a casa i vostri amati trolley, le valige rigide e scegliete borsoni da viaggio morbidi e capienti, che una volta vuotati possono essere facilmente ripiegati per essere riposti nei gavoni o negli armadi con il minor ingombro possibile.

Per queste ragioni, preferite un modello waterproof con cuciture termosaldate, perché nei gavoni non è raro che filtri un po’ d’acqua e poi, comunque, può capitarvi di dover sbarcare dall’ancora verso la costa con i bagagli. I viaggi con i tender sono sempre a rischio di schizzi, anche di grande portata, quindi è meglio prevenire che curare.
I più indicati in tal senso sono i borsoni North Sail, appositamente pensati per la vita in mare, che oltre a essere pratici e utili, sono anche di tendenza. 

Ovviamente, con un bagaglio di dimensioni ridotte, scegliere cosa indossare in barca con precisione diventa fondamentale. Alla base ci dev’essere sempre un principio di funzionalità per ogni capo che si decide di portare con sé ma anche l’eleganza e la classe devono accompagnare la scelta degli outfit da barca. In questi casi la semplicità paga sempre e gli abiti più classici sono sempre quelli migliori.

T-shirt, polo e camicie per la barca: guida alla scelta

La barca è da considerare come un salotto in mezzo al mare: vestireste mai in modo trasandato per andare a casa di un vostro conoscente? Se, come crediamo, avete risposto in maniera negativa a questa domanda, allora siete già a buon punto per scegliere l’abbigliamento giusto per la barca.

Ovviamente, va considerato il contesto, pertanto i capi vanno scelti nell’ottica che si tratta comunque di una vacanza al mare e che non si sta andando a fare l’aperitivo in centro città. Sportività casual chic è la parola d’ordine per scegliere le polo per la barca e le t-shirt.

Le magliette polo sono forse i modelli migliori per essere in ordine con stile, anche perché garantiscono la massima comodità di movimento e, in caso vento, con il bavero alzato garantiscono almeno una minima protezione.

Importantissimi i colori: chi ama il classico, in barca non può che scegliere le tonalità del blu e il bianco, magari in modelli che li coniugano entrambi con eleganti fantasie marinare. Quel che conta è che siano capi in cotone o, comunque, in fibra naturale: viaggiare in barca, soprattutto a vela, può richiedere un impegno fisico a tutti i presenti, che non sono semplici passeggeri ma veri membri dell’equipaggio.
Le fibre naturali permettono alla pelle una maggiore traspirazione e quando si naviga sotto il sole non è un elemento da sottovalutare per sentirsi sempre in perfetto ordine. 

Nel bagaglio dell’uomo di classe non possono mancare le camicie, ovviamente in numero consono. La camicia per la barca in lino a maniche lunghe è il massimo dell’eleganza, sia per stare a bordo che per sbarcare. Si consigliano i modelli normal-fit rispetto a quelli slim-fit, che potrebbero costringere troppo i movimenti e creare impedimenti spiacevoli.

Bisogna sempre considerare che quando si viaggia in barca non si può godere di determinati privilegi, come la lavanderia e la stireria, quindi sono da evitare tutti quei capi che richiedono cura eccessiva. Il lino è un materiale naturale molto semplice da gestire in barca, perché anche se presenta qualche piega non perde il suo stile ma, anzi, in certi casi guadagna in eleganza. 

I pantaloni per la barca: quali scegliere?

Tra i capi per vestire in barca con stile, i pantaloni occupano un posto di primo piano. Infatti, se in certi casi si può anche fare a meno della maglietta, soprattutto in navigazione o in rada, dei pantaloni o, comunque, del costume, un po’ meno.

Se state pensando che in barca basta avere un po’ di costumi per essere certi di essere perfetti con lo stile vi sbagliate, perché anche i costumi da barca devono essere di un certo tipo se si vuole conservare la propria classe.
Preferite i modelli che non superano il ginocchio, magari che arrivano a mezza coscia, in colori non troppo sgargianti. Sono i classici boxer da mare, che sono perfetti per la barca perché lasciano assoluta libertà di movimento e, al tempo stesso, sono classici ed eleganti.
Sono perfetti da indossare con le polo o con le camicie sia a bordo che, magari, per un aperitivo in porto alla sera. Ovviamente, visto che in barca non si possono avere le comodità di cui si gode sulla terraferma, è bene scegliere costumi a rapida asciugatura, così da non doverne portare con sé più di due, massimo tre.

I pantaloni per la barca, quindi, devono avere le stesse caratteristiche descritte per i costumi, per queste ragioni vi consigliamo i bermuda da uomo modello chino, possibilmente in lino o in cotone in colori neutri, oppure blu. Sono perfetti per la navigazione ma anche per sbarcare, per una cena elegante in ristorante o una festa estiva. 

Scegliere le scarpe da barca: eleganza e stile anche in alto mare

Le scarpe da barca sono importantissime per svariati motivi. In primo luogo, i ponti della barca sono solitamente in legno trattato, un materiale resistente che, però, non nasce per essere calpestato se non a piedi nudi. Per queste ragioni la buona educazione e l’etichetta di bordo impongono a tutti gli ospitati togliere le scarpe prima di salire, specialmente le donne quando indossano i tacchi, deleteri per il legno.

In questo modo si evita anche di portare a bordo pietre e sporcizia che possono aver aderito alla suola e che, quindi, sono potenziali elementi distruttivi per la barca. Questo, però, non significa che a bordo si debba stare necessariamente scalzi, anche perché in barca ci sono numerosi pericoli che possono causare infortuni di più o meno grave entità.

Sono assolutamente da sconsigliare le ciabatte e le infradito, perché non garantiscono la giusta aderenza al ponte in caso di umidità o, addirittura, bagnato, ma sono, invece, da consigliare i mocassini con suola in gomma. Per scegliere le scarpe da barca bisogna considerare due elementi: l’ambiente in cui si deve trascorrere la maggior parte del tempo e la comodità.

Quelli ideali sono i modelli tipo drive shoes, con i gommini che garantiscono la migliore aderenza: oppure le apposite boat shoes, molto simili. Ovviamente, le scarpe da usare a bordo non possono essere utilizzate per lo sbarco e viceversa, a meno che non ci si dedichi alla pulizia della suola prima di tornare a bordo. 

Cosa portare in barca per affrontare al meglio ogni eventualità

Scegliere come vestirsi in barca, quindi, dev’essere una decisione di responsabilità e di stile. Tuttavia, accanto agli outfit standard devono essere previsti anche accessori di supporto per far fronte alle eventualità che possono verificarsi durante la navigazione.

Il tempo in mezzo al mare può cambiare molto rapidamente, possono salire i venti ed è necessario essere pronti a fronteggiare ogni condizione climatica per vivere la vacanza in barca appieno. Per questa ragione, nel bagaglio bisogna sempre prevedere una giacca antivento impermeabile e idrorepellente e almeno una felpa o un maglione per la sera, insieme a un pantalone chino lungo, quando cala l’umidità.

Adesso siete pronti per fare le valigie e partire!

Condividi sui social

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *