I mocassini: Idee di stile per l’estate 

Quali sono le scarpe da uomo più apprezzate in estate? Certamente i mocassini sono tra quelle preferite, perché pratiche, comode ma, soprattutto, versatili. Un tempo avere i mocassini era una prerogativa dei dandy più eccentrici ma per alcuni queste scarpe sono il massimo livello di eleganza.
La loro peculiarità è insita anche in uno dei grandi dubbi che attanaglia chiunque decida di utilizzarli: come abbinare i mocassini? È un dilemma vecchio come i mocassini stessi e non è possibile arrivare a una risposta definitiva, perché non esiste. Tuttavia, ed è qui una delle peculiarità di queste calzature, ci sono tantissimi modi in cui non calzare il mocassino per essere eleganti.
I dubbi sorgono anche perché esistono tanti modelli e scegliere quello più adeguato alla situazione specifica potrebbe non essere così semplice. Prima di capire come abbinare i mocassini è importante conoscerne la storia e i modelli più noti, perché da questi dettagli potrebbe essere più facile farsi un’idea precisa su queste calzature.

Calzare i mocassini e avere ai piedi un pezzo di storia americana

C’è la convinzione comune e ben radicata, che nasce probabilmente da certi retaggi della società, che a calzare i mocassini per primi siano stati i lord inglesi nel tempo libero o i rivoluzionari pensatori francesi a spasso per le vie di Parigi. In effetti, se si pensa alla calzatura moderna, non è difficile immaginarla ai piedi di questi personaggi, molto attenti al loro stile e al loro look. Invece no, perché non solo i mocassini non sono nati in Europa, dove sono indubbiamente molto diffusi, ma addirittura gli europei li hanno copiati.

I primi ad usare i mocassini, infatti, sono stati gli indiani d’America: certo erano modelli rudimentali, erano lontani antenati di quelli che si indossano oggi, ma rendono bene l’idea. I pellerossa, infatti, usavano avvolgere il piede in spesse pezze di cuoio che salivano sul fianco, proprio come i mocassini, e c’è una curiosità, la parola “calzatura” nella lingua originaria di questi popoli, tradotta letteralmente significa proprio “mocassino”. 

I modelli così come li conosciamo noi oggi sono molto più recenti e risalgono ai primi anni del Novecento. Era il 1932 quando una famiglia di calzolai di origine americana inizia a produrre delle calzature di ispirazione finlandese, utilizzate dai mungitori di latte, a loro volta ispirate da quelle dei lapponi.

I mocassini si diffusero in brevissimo tempo e negli anni Trenta divennero le calzature più alla moda, primato mantenuto per svariati anni anche grazie alla passione di Fred Astaire, noto ballerino, che le indossava anche per ballare il tip tap. L’ascesa di queste scarpe fu inesorabile e inarrestabile anche per merito di una nota azienda italiana che reinterpretò queste calzature col mood italiano, con la classe che da sempre contraddistingue le produzioni artigianali del nostro Paese.
Fratelli Rossetti divenne uno dei marchi maggiormente legati a queste calzature e ancora oggi i suoi prodotti di lusso sono considerati dei veri capolavori dello stile e dell’eleganza. 

I mocassini d’estate: i modelli migliori

Una premessa per portare i mocassini d’estate correttamente è d’obbligo. Non importa dove dobbiate andare, non importa che tempo ci sia e non importa la temperatura, se avete deciso di indossare i mocassini per un evento formale, l’unico modello ammissibile è quello in cuoio nero con suola liscia, con applicazione in metallo oppure con le più sofisticate nappine. Per non sbagliare, inoltre, si consiglia di calzare i mocassini realizzati con il metodo Goodyear, una particolare lavorazione inglese che prevede la cucitura della tomaia con la fodera, il che non è solo un modo per migliorare la calzata ma anche per aumentare la durata della scarpa stessa. 

Se per le occasioni formali non ci sono deroghe e l’unico mocassino da usare d’estate dev’essere quello, in altre occasioni la scelta è ben più variegata, perché di modelli di mocassini ce ne sono davvero tantissimi. Si può osare con tessuti alternativi, come il raso di seta o il jaquard di raso, nonché con quelli in nappa o suede, perfetti soprattutto quando si cerca la massima comodità. Fondamentale è la scelta della suola, perché nel caso in cui non possa proprio fare a meno di indossare i mocassini per fare lunghe passeggiate, è indispensabile indossare quelli con suola morbida e gommini. Si ispirano alle iconiche driving shoes degli anni Cinquanta, le calzature nate per migliorare la praticità alla guida, e Tod’s ne ha fatto un simbolo della sua produzione, tutt’oggi amatissime.

Meno diffuse, ma non meno eleganti, sono i mocassini in panno, anche se abbinarli risulta essere molto più complicato, soprattutto se si cerca uno stile elegante e di classe. Tuttavia, una delle peculiarità principali di queste calzature è proprio la loro versatilità, perché ne esistono talmente tanti modelli e tanti tipi che gli amanti del genere trovano un mocassino adatto a ogni occasione, dalla gita in campagna all’escursione in barca, passando per l’aperitivo in spiaggia o in centro e un evento formale serale. 

Abbinare i mocassini d’estate, consigli per l’uomo di classe

Come detto prima non esistono regole definite su come abbinare i mocassini, però ci sono degli indumenti da non indossare con queste scarpe. Sono assolutamente da sconsigliare i pantaloni a gamba larga o, addirittura, quelli con taglio scampanato; peggio ancora sono quelli tanto amati dai giovani, i pantaloni slim-fit o addirittura skinny, davvero contro ogni principio estetico quando vengono indossati con i mocassini.

Qualsiasi altro pantalone a taglio dritto è perfetto per questo tipo di scarpe, a patto che il suo orlo sia pressoché perfetto, quindi né troppo lungo né troppo corto. Da dimenticare sono, invece, i risvoltini da abbinare ai mocassini, perché l’effetto visivi risulta essere lontano dai principi stilistici dell’uomo di classe.

Scegliere di abbinare i mocassini con i chino corti è sinonimo di eleganza e stile ma attenzione ai bermuda, che vanno bene solo se si fermano sopra il ginocchio. Per la parte superiore vanno sempre bene le camicie di lino per l’estate, possibilmente scelte in una tonalità neutra, soprattutto per le giornate in ufficio o le serate chic ma non sono da sottovalutare nemmeno le t-shirt, purché sobrie e non eccessivamente scollate. Uno dei trucchi per abbinare i mocassini e rendere un look davvero unico, originale  e, soprattutto, di classe, è quello di indossarli dello stesso colore della cintura. Da alcuni è considerato un vezzo, un dettaglio: non è obbligatorio ma si sa che sono i dettagli a fare la differenza. 

Calzini o non calzini?

Ecco uno dei problemi più grandi che deve affrontare chi sceglie di portare i mocassini d’estate. I calzini devono essere indossati oppure no? Ci sono diverse scuole di pensiero in merito, ossia quelli che ne impongono l’utilizzo sempre e comunque quando si indossano i pantaloni lunghi e quelli che, invece, considerano accettabile anche un look senza calzini, a patto che si tratti di un outfit sportivo. 

Nello specifico, infatti, il buon senso e il buon gusto impongono che nelle occasioni formali, così come sul lavoro, sia sempre inammissibile che si veda la caviglia scoperta sotto un abito dal taglio classico.
È una questione di stile e di eleganza, quindi in questi casi è imprescindibile indossare le calze da uomo classiche nere, blu o grige a seconda del look scelto. Si i mocassini senza calze si possono indossare quando l’occasione è informale e quando il look è evidentemente sportivo o casual-chic ma si devono, necessariamente, indossare senza calze quando si indossano i pantaloni corti.

C’è chi proprio non è abituato a portare le scarpe senza calze e in quel caso è concesso l’utilizzo delle micro-calze (i cosiddetti fantasmini) a patto che non si intravedano minimamente dal bordo del mocassino ma, anche in quel caso, il buon senso consiglia l’utilizzo di colori scuri e mai chiari.

A voi piace indossare i mocassini d’estate? Se è sì, diteci come!

Condividi sui social

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *