Milano Fashion Week: novità e curiosità sulla moda maschile

Dal 12 al 15 gennaio tornano le sfilate della Milano Fashion Week, uno degli appuntamenti più attesi dell’inverno per la moda maschile. La settimana della moda sarà un susseguirsi di eventi e di celebrazioni che coinvolgeranno interamente la città lombarda ma le sfilate saranno tutte concentrate durante il weekend. Le passerelle, quindi i brand che hanno dato la loro adesione alla MFWM saranno in tutto 30: un numero inferiore rispetto a quello che ci si aspetterebbe ma comunque non esiguo. Molti dei grandi nomi della moda uomo hanno scelto di rinunciare alla partecipazione alla Milano Fashion Week Man di gennaio per presentare le collezioni maschili durante la più ampia Settimana della Moda di Milano di Febbraio, insieme alle collezioni femminili.  Abbiamo già parlato dei co-ed show ma questo non toglie che la MFWM sia comunque un appuntamento straordinario per scoprire le nuove tendenze della moda maschile della prossima stagione autunno/inverno. Tuttavia, se molte maison preferiscono aspettare febbraio per la Settimana della Moda di Milano per presentare le collezioni maschili con quelle femminili, ci sono anche brand che hanno intrapreso la direzione opposta e hanno scelto di mettere in scena i loro co-ed show durante la MFWM. Sono case di moda la cui connotazione è da sempre prevalentemente maschile e che, quindi, ritengono più opportuno concentrare l’attenzione sulla Milano Fashion Week Man: è il caso, per esempio, di Diesel Black Gold, Dsquared2, Marcelo Burlon County of Milan e Frankie Morello, per citare i più noti.

Al netto delle rinunce e dei vari co-ed show, però, è da segnalare il gradito ritorno di Moschino, un brand storico della moda maschile che lo scorso anno aveva preferito presentare le sue collezioni in esclusiva al mercato americano, rinunciando alla Milano Fashion Week. Senz’altro un nome di spicco, che va ad aggiungersi a quelli di Prada, Giorgio Armani, Emporio Armani, Fendi, Ermanno Scervino, Brunello Cucinelli, Ralph Lauren Purple Label e Tod’s, che sono da sempre i brand di rilievo della Settimana della Moda maschile di Milano.

L’apertura della Milano Fashion Week di gennaio è stata affidata a Ermenegildo Zegna, uno dei brand maschili di maggior successo in Italia e all’estero per la moda maschile classica e formale, che da sempre ci ha abituati a grandissimi show di ispirazione quasi teatrale per la presentazione delle sue collezioni. Allo stesso modo, però, è attesa anche la sfilata di Tommy Hilfiger, che si preannuncia come uno degli eventi clou della settimana, a cui sono stati invitati tantissimi nomi dello show-biz nazionale e internazionale. L’appuntamento per l’apertura è fissato per venerdì 12 in tarda serata, quando si accenderanno ufficialmente i riflettori sulla MFWM.

I protagonisti della Settimana della Moda di Milano, però, non saranno solo i brand più noti, perché saranno numerose anche le new entry, le maison che per la prima volta calcheranno le passerelle meneghine. Isabel Benenato è uno dei brand emergenti che farà la sua prima apparizione alla Milano Fashion Week, così come Represent e Hunting World. Questi ultimi due sono, rispettivamente, un brand inglese e uno americano che hanno deciso di aprirsi al mercato italiano presentando le loro collezioni in esclusiva alla Milano Fashion Week.

La Camera Nazionale della Moda Italia ha deciso quest’anno di supportare le sfilate di alcune maison meritevoli di attenzioni, tra cui spicca Sartorial Monk, un altro brand che si affaccia per la prima volta sulle passerelle di Milano.

Milano è già pronta ad accogliere la grandissima kermesse, che come ogni anno animerà la città con eventi culturali, pop e iconici a cui sono attesi tantissimi nomi noti. Dai Navigli al Duomo, da Brera a Milano fiera, passando per i nuovi spazi in Gae Aulenti, la Settimana della Moda di Milano 2018 è pronta a illuminare le scene. Noi aspettiamo per conoscere le tendenze che indosseremo nella prossima stagione invernale e vi racconteremo quelle più interessanti, curiose e stravaganti.

Condividi sui social

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *