Come indossare il doppiopetto, la giacca del dandy classico moderno

Elegante ma non esagerato. Rigoroso ma non formale. Sobrio ma non banale. Si potrebbe riassumere così la giacca doppio petto, un capospalla che in questo periodo sta subendo un momento di oblio, essendo relegato esclusivamente a pochi coraggiosi che ne hanno fatto il loro baluardo di stile. Eppure, non è così difficile indossare il doppiopetto, che oggi è diventato un capo immancabile nell’abbigliamento dei dandy metropolitani, capaci di creare outfit innovativi, alternativi e originali utilizzando questo capospalla in maniera audace. È una giacca di derivazione militare, come si può evincere dal suo rigore, quindi molto elegante ma se indossata con un paio di jeans richiama subito un look più sportivo e scanzonato. Al contrario delle aspettative, quindi, è una giacca molto versatile che si sposa bene con tutte le corporature: spesso la consigliamo agli uomini molto magri che vogliono avere una figura più massiccia ma ci capita anche di suggerirla agli uomini di peso, perché con le opportune indicazioni e i ritocchi di un sarto, questa giacca ha anche un effetto snellente.

La caratteristica principale di questa giacca, a cui si deve il suo nome, sta nell’abbottonatura: si ha una sovrapposizione del lembo sinistro su quello destro. Il risultato è una doppia fila di bottoni (una per lato) invece della classica fila centrale che contraddistingue tutte le altre giacche. Il doppiopetto è solitamente abbinato alle giacche ma ci sono anche tantissimi modelli di soprabiti e di cappotti con questa particolare chiusura. Prevedono il doppiopetto sia le giacche (quindi gli abiti) da giorno che quelli da sera, anche se con alcune differenze. Nello smoking, per esempio, che rappresenta il tipico abito da sera da uomo, i bottoni sono solo quattro mentre nell’abito da uomo da giorno i bottoni sono sei. Entrando maggiormente nello specifico dei modelli di giacca doppiopetto, quelli maggiormente diffusi sono:

  • incrociato Duca di Kent 4×2, il modello smoking ma non solo, molto utilizzato anche nei modelli di blazer casual;
  • Martini Glass, il doppiopetto classico 6×2, che deve il suo nome alla particolare disposizione dei suoi bottoni, che imitano proprio il bicchiere del famoso cocktail.

Ci sono, poi, anche altre alternative realizzate per uscire dagli schemi classici e sperimentare qualcosa di nuovo ma non sempre si tratta di modelli particolarmente riusciti, che quindi preferiamo non menzionare mantenendoci su quelli classici, con i quali non si sbaglia mai.

Caratteristica imprescindibile di ogni doppiopetto, comunque, sono i reverse a lancia, anch’essi caratterizzati da una totale simmetria, dove l’asola è presente su entrambi i lati.

Detto questo, indossare la giacca a doppiopetto richiede alcune accortezze imprescindibili da seguire per essere perfetti. In primo luogo, controllate bene la lunghezza: la giacca a doppiopetto deve interamente coprire la schiena in tutta la sua lunghezza. Con questi modelli molto geometrici è facile cadere nell’errore di indossare una giacca troppo corta. Gli uomini con un torace importante devono richiedere l’aiuto di un sarto per modificare la superficie di sovrapposizione, riducendola. In questo modo è possibile dare alla giacca un taglio snellente. Tuttavia, il trucco per indossare una giacca doppiopetto perfetta sta nello scegliere il modello perfetto in base all’occasione.

Dimenticate le giacche doppiopetto monocromatiche, impettite e eccessivamente austere: le attuali tendenze per le giacche a doppiopetto prevedono intriganti fantasie principe di Galles nei colori più particolari. Non mancano certamente i toni neutri e sobri che da sempre accompagnano queste giacche, che però nella versione moderna si presentano anche con particolari accostamenti a volte azzardati come quelli proposti da Hockerty, brand di abiti artigianali che propone le sue creazioni in colori alquanto bizzarri. Al netto degli abiti completi da uomo con giacca a doppiopetto, le tendenze moderne vedono però più spesso utilizzati i blazer, che si sposano perfettamente con un paio di jeans dal taglio moderno, magari sportivo, da indossare con un paio di sneacker o mocassini. La tendenza a sdrammatizzare il taglio rigoroso di un doppiopetto si riscontra soprattutto tra i giovani tra i 30 e i 40 anni, il target che apprezza con maggiore entusiasmo queste giacche.

Sono loro, infatti, che stanno provando a riportarle in auge con i loro outfit ricercati e mai banali. Basta guardare le collezioni dei più importanti stilisti per rendersi conto di come il doppiopetto, sebbene timidamente, stia cercando di fare la sua ricomparsa in maniera stabile nella moda uomo. Saint Lauren, ormai da diversi anni, nelle sue collezioni inserisce modelli dalla forte contaminazione militare, dove non mancano mostrine ed elementi decorativi sul doppiopetto, ma in  molti casi si tratta di rivisitazione del classico che non ci convince particolarmente ma che, a quanto pare, ha grandissimo successo tra chi è alla ricerca di qualcosa di nuovo e non convenzionale. Ci piace segnalare, invece, il doppiopetto proposto da Stella McCartney con reverse rossi su tessuto nero: un modello 6×2 moderno, alternativo ma raffinato che non intacca l’eleganza classica del modello. Punta totalmente sul classico Paolo Fiorillo Luxury, con la sua proposta di doppiopetto classico 6×2 con bottoni dorati: un’eleganza senza tempo che si lascia interpretare in vari modi per offrire infinite possibilità di abbinamento. Punta, invece, su un taglio oversize Hugo Boss con il suo blazer rosso doppiopetto 4×2, adatto per chi vuole farsi notare con estrema classe.

Gli accessori da collo col doppiopetto non sono obbligatori, soprattutto quando si indossa il blazer con un look casual. Per gli abiti da uomo con giacca doppiopetto, invece, la cravatta è l’accessorio più consigliato, perché il papillon rende il modello troppo austero. In tutti i casi, sotto la giacca o il blazer doppiopetto non deve mancare la camicia giusta. Questi modelli, eccezion fatta per lo smoking, richiedono un colletto italiano classico anche se i più giovani non disdegnano le camicie alla coreana senza cravatta. Se volete essere davvero impeccabili, fatevi un regalo e abbinateci una camicia su misura Severini.

Condividi sui social

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *